Genesi, 38

    L' audio non è ancora disponibile per il Vecchio Testamento

  • 1  In quel tempo Giuda si separò dai suoi fratelli e andò a stare da un uomo di Adullam, di nome Chira.
  • 2  Là Giuda vide la figlia di un Cananeo di nome Sua; se la prese e si unì a lei.
  • 3  Ella concepì e partorì un figlio, che egli chiamò Er.
  • 4  Poi ella concepì di nuovo e partorì un figlio, che chiamò Onan.
  • 5  Partorì ancora un figlio e lo chiamò Sela. Giuda era a Chezib, quando ella lo partorì.
  • 6  Giuda prese per Er, suo primogenito, una moglie che si chiamava Tamar.
  • 7  Ma Er, primogenito di Giuda, era perverso agli occhi del SIGNORE; e il SIGNORE lo fece morire.
  • 8  Allora Giuda disse a Onan: «Va' dalla moglie di tuo fratello, prenditela in moglie come cognato e suscita una discendenza a tuo fratello».
  • 9  Onan, sapendo che quei discendenti non sarebbero stati suoi, quando si accostava alla moglie di suo fratello, faceva in modo d' impedire il concepimento, per non dare discendenti al fratello.
  • 10  Ciò che egli faceva dispiacque al SIGNORE, il quale fece morire anche lui.
  • 11  Allora Giuda disse a Tamar sua nuora: «Rimani vedova in casa di tuo padre, finché Sela, mio figlio, sia cresciuto». Perché diceva: «Badiamo che anche egli non muoia come i suoi fratelli». E Tamar se ne andò e abitò in casa di suo padre.
  • 12  Passarono molti giorni e la figlia di Sua, moglie di Giuda, morì; e, dopo che Giuda si fu consolato, salì da quelli che tosavano le sue pecore a Timna: c' era con lui il suo amico Chira, l' Adullamita.
  • 13  Tamar ne fu informata. Le dissero: «Ecco, tuo suocero sale a Timna a tosare le sue pecore».
  • 14  Allora ella si tolse le vesti da vedova, si coprì d' un velo, se ne avvolse tutta e si mise seduta alla porta di Enaim che è sulla via di Timna; infatti, aveva visto che Sela era cresciuto, e tuttavia lei non gli era stata data in moglie.
  • 15  Come Giuda la vide, la prese per una prostituta, perché ella aveva il viso coperto.
  • 16  Avvicinatosi a lei sulla via, le disse: «Lasciami venire da te!» Infatti non sapeva che quella fosse sua nuora. Lei rispose: «Che mi darai per venire da me?»
  • 17  Egli le disse: «Ti manderò un capretto del mio gregge». E lei: «Mi darai un pegno finché tu me lo abbia mandato?»
  • 18  Ed egli: «Che pegno ti darò?» L' altra rispose: «Il tuo sigillo, il tuo cordone e il bastone che hai in mano». Egli glieli diede, andò da lei ed ella rimase incinta di lui.
  • 19  Allora Tamar si alzò e se ne andò; si tolse il velo e si rimise le vesti da vedova.
  • 20  Giuda mandò il capretto per mezzo del suo amico, l' Adullamita, al fine di ritirare il pegno dalle mani di quella donna, ma egli non la trovò.
  • 21  Interrogò la gente del luogo, dicendo: «Dov' è quella prostituta che stava a Enaim, sulla via?» Quelli risposero: «Qui non c' è stata nessuna prostituta».
  • 22  Egli se ne tornò da Giuda e gli disse: «Non l' ho trovata e, per di più, la gente del luogo mi ha detto: "Qui non c' è stata nessuna prostituta"».
  • 23  Giuda disse: «Si tenga pure il pegno, e non esponiamoci agli scherni! Ecco, io ho mandato questo capretto e tu non l' hai trovata».
  • 24  Circa tre mesi dopo, vennero a dire a Giuda: «Tamar, tua nuora, si è prostituita e, per di più, eccola incinta in seguito alla sua prostituzione». Giuda disse: «Portatela fuori e sia bruciata!»
  • 25  Mentre la portavano fuori, mandò a dire al suo suocero: «Sono incinta dell' uomo al quale appartengono queste cose». E disse: «Riconosci, ti prego, di chi siano questo sigillo, questi cordoni e questo bastone».
  • 26  Giuda li riconobbe e disse: «È più giusta di me, perché non l' ho data a mio figlio Sela». Ed egli non ebbe più relazioni con lei.
  • 27  Quando venne il tempo in cui doveva partorire, ecco che Tamar aveva in grembo due gemelli.
  • 28  Mentre partoriva, l' uno di essi mise fuori una mano e la levatrice la prese e vi legò un filo scarlatto, dicendo: «Questo qui esce per primo».
  • 29  Ma egli ritirò la mano, ed uscì suo fratello. Allora la levatrice disse: «Perché ti sei fatta questa breccia?» Per questo motivo gli fu messo nome Perez.
  • 30  Poi uscì suo fratello, che aveva alla mano il filo scarlatto; e fu chiamato Zerac.
  •  Genesi, capitolo 38 
     

    La Bibbia in un anno

    tutta la Scrittura è divinamente ispirata e utile a insegnare, a convincere, a correggere e a istruire nella giustizia, affinché l'uomo di Dio sia completo, pienamente fornito per ogni buona opera   - 2 Timoteo 3.16-17 ...disponibile a breve